close
Canto di Natale di Dickens: l’SDN lo avete trovato?

Canto di Natale di Dickens: l’SDN lo avete trovato?

10 dicembre 2016697Views

[Canto di Natale di Dickens]

Marley, prima di tutto, era morto. Niente dubbio su questo. Il registro mortuario portava le firme del prete, del chierico, dell’appaltatore delle pompe funebri e della persona che aveva guidato il mortoro. Scrooge vi aveva apposto la sua: e il nome di Scrooge, su qualunque fogliaccio fosse scritto, valeva tant’oro. Il vecchio Marley era proprio morto per quanto è morto, come diciamo noi, un chiodo di porta

Ma questo SDN voi lo conoscete? Non sapete cos’è? SDN sta per Spirito del Natale! Qualche giorno fa ero acidula e, in giro, ne ho parlato con qualche nota sarcastica, poco incline al vero e proprio scopo di tutta questa faccenda: trovare questo benedetto Spirito del Natale! Io non so se avete letto il Canto di Natale di Dickens, lì c’è lo spirito del Natale passato, presente e futuro. Sono tre fantasmi che dovranno apparire ad Ebenezer Scrooge per attuare la sua redenzione. Essi hanno lo scopo di mostrare a Scrooge il valore del Natale, simbolo del periodo di pace in Terra per tutti gli uomini.

Ma chi è questo Spirito del Natale?

IL PASSATO

Lo spirito del Natale passato è una figura indefinita, un incrocio tra un vecchio ed un bambino che conduce Scrooge attraverso i suoi Natali passati tenendo in mano un rametto di agrifoglio. Dickens ne parla usando il pronome neutro it, proprio ad indicare il fantasma come un’apparizione misteriosa e poco chiara. Scrooge rivede se stesso bambino. A scuola, lasciato solo dai compagni per colpa della sua troppa intelligenza. Poi la festa di Natale in casa di Mr. Fezziwig… Dopo aver spento la fiamma dello stoppino che lo Spirito portava con sè, Scrooge si risveglia nel su letto.

IL PRESENTE 

Lo Spirito è descritto da Dickens come un gigante dell’aria gioviale e allegra, capelli ricci e scuri e una folta barba. Indossa una cappa di stoffa verde che gli ricopre il corpo. In testa porta una corona di agrifoglio. L’incontro tra lo spirito e Scrooge avviene nel suo salotto di casa, addobbata da ghirlande e fasci di agrifoglio, edera e altre piante decorative tipiche del Natale. Lo Spirito siede sui cibi: arrosti, cacciagione, frutta, formaggi, dolci e ponce, pietanze tipiche dei Natali inglesi.

IL FUTURO

Lo scopo dello Spirito del Natale è mostrare a Scrooge il suo oscuro destino se non cambierà il suo modo di vivere.  Lo spirito viene presentato come uno scheletro, avvolto in un lungo mantello nero che gli il corpo, tranne il braccio teso con l’indice puntato. Scrooge è intimorito, gli pone molte domande ma tutte rimangono senza risposta. Lo spettro non risponde mai. Sta in silenzio e, a volte, si limita a fare cenni. Lo Spirito del Natale futuro non risponde mai. Sempre in silenzio.

questo è lo Spirito del Natale di Dickens e i vostri Natali come sono stati? Lo spirito del Natale è entrato? In me è entrato tardi. Entrava sempre tardi, forse troppo tardi.

Anita Santalucia

Anita Santalucia

Filosofia. Prima di tutto la filosofia. 26 anni, laurea, master e i mille posti del mondo che non ho ancora visitato.

Poppettina e l’educazione

Regali di Natale per bambini alternativi!

Leave a Response