close
Per CineTVRecensioni.com, Io prima di te…ma anche no!

Per CineTVRecensioni.com, Io prima di te…ma anche no!

5 settembre 2016#film#simpatia780Views

Simpatia con CineTvRecensioni.com Grazie a Raffaele e Chiara per questo Guest Post! Sul loro sito potrete trovare ogni genere di informazione e curiosità su film e serie tv.

Io prima di te… ma anche no!

Fila I posto 11. Parecchia gente in sala. Nell’ordine: ragazzine urlanti, quelle che hanno letto il libro e non aspettano altro che vedere il film, quelle che non hanno letto il libro ma vedranno direttamente il film. Poi ci sono quelli più grandi: uomini sulla quarantina/cinquantina, strenui accompagnatori delle mogli, lettrici accanite.

E poi ci sono io che, siccome hanno letto tutti il libro, non ho letto il libro ma non posso esimermi dal guardare il film.

io-prima-di-te-evidenza

Sala piena, dunque. E il film? Io prima di te è l’apoteosi dello scontato, la lunga lista dei luoghi comuni e dei bei sorrisi. Sdolcinato come una fetta di tiramisù, scontato come la bontà di una coppa panna e fragole.

La trama: lui, Will Traynor, aveva una vita perfetta, poi attraversa la strada e – boom – rimane paralizzato. Lei, Luisa Clark, accetta il lavoro come sua badante tuttofare e, guarda caso, scoppia la scintilla. Fa di tutto per fargli cambiare idea (lui vuole morire perché la sua vita così non ha senso). Ci riuscirà?

Dopo un quarto d’ora mi sarei alzata e sarei andata via. Inutile. Non un filmone e neppure un filmetto. Io ne avrei fatto a meno. Privo di qualunque approfondimento (eppure la tetraplegia ne avrebbe a iosa!), scorre via senza acuti. Lui schivo, lei dolce, lei non molla la presa, lui alla fine cede. Una storia trita e ritrita.

Eppure il libro è stato tradotto in 40 paesi ed ha venduto in totale 5milioni di copie. Jojo Moyes ha fatto centro, insomma, e Thea Sharrock, la regista, ha fatto il resto. Mi chiedo come sia possibile. Eppure lo è.

Mi arrendo ai dati di fatto. Si riaccendono le luci e le persone intorno a me piangono (e non di disperazione!). Si sono commosse (?). Probabilmente la verità è che ad una coppa panna e fragole preferisco sempre un cioccolato 80%.

Anita Santalucia

Anita Santalucia

Filosofia. Prima di tutto la filosofia. 26 anni, laurea, master e i mille posti del mondo che non ho ancora visitato.

Festival di filosofia Settembre 2016

Perché per John Dewey i primitivi avevano una marcia in più?

Leave a Response