close
Per dieci minuti: l’esercizio filosofico di Chiara Gamberale

Per dieci minuti: l’esercizio filosofico di Chiara Gamberale

Le cose più belle sono quelle che si fanno per dieci minuti. Potete essere mediamente d’accordo con questa frase? No? Allora vi spiego, nelle prossime righe, come questo può accadere.

Chiara Gamberale ha scritto un libro che è un esercizio filosofico straordinario. La storia è semplice mentre il significato è profondo: fare una cosa al giorno per dieci minuti. Di cosa si tratta? Potrebbe trattarsi di qualcuno cosa come scendere in strada e abbracciare le persone, cucire, cucinare, fare ginnastica, stare in silenzio, fissare l’orizzonte e chi più ne ha più ne metta. Insomma la regola è scegliere una cosa da fare per dieci minuti che di solito non facciamo.

HO RACCOLTO QUALCHE FOTO DA INSTAGRAM

Un esercizio filosofico perché porta l cambiamento, a quell’arte di vedere da un’altra prospettiva che aiuta a vivere meglio. Un sardo nuovo e scanzonato sulla realtà perché, forse, a volte, il segreto è colorare le unghia d rosa oppure chiamare persone che non si chiamano mai. Cose banali alle quali la cosa che viene in mente dire è: perché non ti ho fatto prima?

Sono stati tanti i momenti che potrei citare, per esempio quando ho camminato all’indietro per strada – era l’8 dicembre, uno dei primi capitoli del libro, che parte il 3 dicembre e arriva fino al 3 gennaio. È una cosa che ti fa guardare il mondo da una prospettiva diversa, una prospettiva buffa, bizzarra: mi ha messo tanta allegria quel giorno, e spero che emerga dalla scrittura.
Altri momenti invece sono stati difficili. Quando l’io narrante chiede a sua madre di parlarle di sé, e si rende conto che è la prima volta in 35 anni che lo fa – anche questa è un’esperienza vissuta davvero – questo genera il lei un forte senso di colpa

da LIBERIAMO.IT

Chiara Gamberale scrive, racconta di questo esercizio che ha fatto per un mese ed invita tutti a farlo per avvicinarsi al cambiamento. La protagonista, Chiara, non a caso è è una scrittrice che ha una vita ad un certo punto complicata, ricca di cosa e piena di niente ed allora provale l’esercizio della terapeuta è un’altra delle cose da aggiungere alla lista delle cose da fare.

Il libro scorre via perché racconta di quella parte di noi più atrofizzata e sopita che ha solo bisogno di essere scossa perché è dentro di noi che abbiamo quelle risorse per attuare un cambiamento o semplicemente per vedere le cose da un altro punto di vista!

Anita Santalucia

Anita Santalucia

Filosofia. Prima di tutto la filosofia. 26 anni, laurea, master e i mille posti del mondo che non ho ancora visitato.

Curriculum perfetto: 10 passi per trovare lavoro (?)

Lettera ad un neo studente di Filosofia

Leave a Response