close
Elezioni amministrative 2016 e altre storie del voto contro

Elezioni amministrative 2016 e altre storie del voto contro

Elezioni amministrative 2016. Sei pro o sei contro? Da qualunque punto di vista si guardi la faccenda, questa tornata elettorale è un’espressione del contro conclamato piuttosto dell’a favore dichiarato! Siamo contro prima di essere a favore. Preferiamo dire: “voto contro…” piuttosto che “voto a favore…“. Io preferisco dire che hanno vinto le persone, i partiti, i programmi, le facce  di coloro che si sono messi in gioco e hanno proposto un’alternativa. Eppure il web è pieno del contrario: Ha perso tizio, asfaltato caio eppure ha vinto un sindaco in ogni città, un’amministrazione è stata riconfermata perché, forse, ha fatto semplicemente bene e perché, forse, non è stata proposta un’alternativa valida ed adeguata.

E invece no! Siamo il popolo del voto contro e non del voto a favore. In questo le elezioni amministrative 2016 sono state una certezza ma non solo. Ho provato a stilare una classifica delle cinque situazioni in cui si vota contro piuttosto che a favore perché troppo presi dalla rabbia o da partitismo spicciolo.

  1. PER CHI VOTI?

voto

Votare è esprimere una preferenza e non una non preferenza. Dovrebbe essere così ed invece….! Vi ho portato l’esempio delle elezioni amministrative 2016 ma potrei scrivervi di tutte le altre chiamate alle urne trasformate in voto voto contro. Il pensiero negativo, la tendenza a pensare l’opposto invece che a favore è forse un retaggio antico o probabilmente solo un modo di approcciarsi alla vita. Sta di fatto che il voto contro è dannoso più di quando non lo sia esprimere un giudizio negativo.

2. CHE SI FA STASERA?

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Non ho dubbi sul fatto che quando in un gruppo ci sono idee diverse per il sabato sera, si tenti di dividersi notevolmente e di prendere le parti di quello che sta più simpatico piuttosto che di optare per la scelta che più fa piacere. Basta un diverbio sopito che boom esce subito fuori e così se quello che mi sta antipatico dice X io voto Y e voto CONTRO!

3. PER CHI TIFI?

tifo

Basta che qualcuno stia antipatico per tifare contro una squadra. Sarà capitato di tifare per una squadra solo perché l’allenatore dell’altra, ad esempio, non era nelle grazie. Intorno a me capita spesso. Il contro, quando non si tratta di tifo viscerale (dove si tifa comunque, a prescindere da chi allena o da chi gioca) è preferito al tifo a favore.

4. DA CHE PARTE STAI?

hands-people-woman-working

Sicuramente non dalla tua! Un altro esempio del contro virale è in una discussione animata, sul lavoro, in cui si fanno prevalere gli interessi personali piuttosto che quelli della comunità. Non si condivide un pensiero ma si anima una discussione perché esprimersi contro è una questione di stile.

5. PRO O CONTRO?

Dalle scelte alimentari alle scelte di partito, si è sempre contro qualcosa. Pensate ad esempio, a chi è contro la carne, contro l’utilizzo del latte e dei suoi derivati, contro il sistema che ci governa, contro tutto il mondo. Contro è uno stile di vita, un partito politico, una decisione coscienziosa. Contro è un modo di approcciarsi alla vita.

Licenza Creative Commons

Anita Santalucia

Anita Santalucia

Filosofia. Prima di tutto la filosofia. 26 anni, laurea, master e i mille posti del mondo che non ho ancora visitato.

Il tema del nostro tempo. Stare, sostare, restare

Poppettina tra sogni e desideri

1 Comment

Leave a Response