close
Grant Woolard: perchè è possibile dormire nella stanza di Van Gohg?

Grant Woolard: perchè è possibile dormire nella stanza di Van Gohg?

Qualche giorno fa, ho pubblicato sulla pagina Facebook di popFilosofia.it il cortometraggio registrato da Grant Woolard, un genio (verrebbe da dire) californiano che ha costruito un video di due minuti, in cui compare in tutti i più bei quadri mai dipinti. E così “Dreaming in paint” diventa il posto nel posto, il risultato di una sogno che parte dalla stanza di Van Gohg, passando per i quadri impressionisti, giunge al tavolo dell’Ultima cena fino a concludersi nella Cappella Sistina con Grant Woolard che tende la mano a Dio.

Concorderete con me che Grant Woolard è un genio! Passa tra un’opera e l’altra e ne diventa protagonista. Forse il sogno di chi ama l’arte in ogni sua sfaccettatura. Pensate solo di ritrovarvi, dopo l’Ultima Cena, alla deriva come il Cristo nella tempesta di Rembrandt, dopo aver attraversato il ponte delle Ninfee blu di Monet. Vi verrebbe da tirare l’Urlo di Munch, ma è solo il viaggio immaginario tra le tele più belle mai dipinte. Grant Woolard mi ha conquistata ed allora cerco, come al solito su Google e trovo il suo canale YouTube in cui ascolto questo:

LEGGI ANCHE: Let’s bake art! Il cibo su tela

Sono 75 toni classici e 33 compositori diversi! Fantastico! Siete capaci di riconoscerli tutti? E’ davvero complicato, forse servirà solo un orecchio esperto e soprattutto allenato che riesca a riconoscere le note. Grant Woolard è unico nel suo genere è capace di cose impossibili. Su YouTube è seguitissimo e conta quasi 20.000 seguaci e ogni video è visto da 2milioni di persone. I suoi Mashup sono bellissimi e tutt’altro che comuni. Ha iniziato nel 2010 e da lì non ha più smesso. Ma c’è di più. C’è lui dietro a Warlord Tango, il fumetto che porta l’anagramma del suo nome. Si tratta di una serie di fumetti divertentissimi che vi invito a seguire su Tumblr.

Cattura

Anita Santalucia

Anita Santalucia

Filosofia. Prima di tutto la filosofia. 26 anni, laurea, master e i mille posti del mondo che non ho ancora visitato.

Cosa vogliono gli uomini? Cosa pensano loro in fatto di donne

Le parole belle del lavoro, parte II

Leave a Response