close
La Mennulara di Simonetta Agnello Hornby

La Mennulara di Simonetta Agnello Hornby

12 gennaio 201825Views

La Mennulara ovvero la raccoglitrice di mandorle.

Il dottor Mendicò improvvisamente si sentì stanchissimo, con le gambe indolenzite e le braccia formicolanti. Era rimasto nella stessa posizione per più di un’ora, le mani della Mennulara strette fra le sue, accarezzandole le dita con un movimento circolare e delicato, incessante. Sollevò la mano destra, lasciando a palma aperta sul lenzuolo la sinistra, su cui poggiavano quelle ancora tiepide della defunta.

Io adoro Simonetta Agnello Hornby e il romanzo d’esordio mi mancava. Vita, morte e miracoli di Rosalia Inzerillo, detta la Mennulara. Lo sfondo è sempre la Sicilia, il linguaggio è il suo: dialettale, arcaico, affascinate.

Il racconto inizia  il 23 settembre 1963 quando Rosalia Inzerillo muore.

La Mennulara era la domestica della famiglia Alfallipe, una famiglia benestante, fin dall’età di 13 anni. Non era solo una cameriera. Per gli Alfallipe, si capisce sin da subito, era stata molto di più: aveva amministrato tutti i beni della famiglia. Non sapeva né leggere né scrivere eppure era diventata il perno della famiglia. Ogni figlio Alfallipe poteva fare ciò che voleva: ad amministrare i beni della famiglia ci pensava, appunto la Mennulara.

DELLA STESSA AUTRICE HO LETTO ANCHE

Caffè amaro

La morte la colpisce proprio a casa Alfallipe e scatena un vociare di paese senza precedenti. Quando aveva accumulato negli anni la Mennulara? Quanta ricchezza aveva sottratto alla famiglia?

Il romanzo è complesso perché non vi è un io narrante unico. E’ il paese che parala e racconta vita ed opere di una donna conosciuta da tutti, amata da qualcuno e odiata da altri. Su tutti vi è lei, e il suo corpo che giace.

La voce del popolo è la voce di Dio ed allora i racconti si dileguano tra detti e non detti, tra cose che non si possono dire ad alta voce e altre cose che, forse, è meglio tacere. 

Va letto come ogni romanzo di Simonetta Agnello Hornby perché è scritto bene. Basta questo. è una lezione di sintassi, una chimica bellissima tra voci di popolo e ritratto di donna. Un punto interrogativo che ancora persiste perché poi chi è La Mennulara?

Anita Santalucia

Anita Santalucia

Filosofia. Prima di tutto la filosofia.
26 anni, laurea, master e i mille posti del mondo che non ho ancora visitato.

Dio salvi… The Crown!

Blue Monday, il giorno più triste dell’anno.

Leave a Response