close
Perchè le parole valgono ancora?

Perchè le parole valgono ancora?

Le parole valgono e sono belle. Sicuramente sono ancora più belle quando hanno senso e quel senso lo diamo noi quando le utilizziamo. La Treccani con il sito #Leparolevalgono ha mostrato come sia facile dare valore alle parle quando in esse ci riconosciamo veramente, senza se e senza ma. L’iniziativa promossa e sponsorizzata, ha lo scopo di scropre quante più parole rappresentano quanti più italiani possibili. Accedendo al sito, è possibile scrivere la propria parola che lo rappresenta, quella senza la quale si è comunque ma con la quale si è qualcosa di speciale.

Se per Vasco Rossi la parola che lo rappresenta è #Spericolata perchè: “la vita è stata spericolata, come avrei voluto (e così è stata)”; per Baricco la parola che lo rappresenta è #Complesso e spiega: “è una versione ottimistica del termine complicato: mi ha aiutato spesso a trasformare in opportunità delle situazioni che sembravano solo tremendamente difficili”. Persone famose e meno famose hanno scelto una parola e l’anno condivisa sui social facendo diventare la campagna di Treccani, virale.

Qui abbiamo parlato della parola resilienza e forse è quella la parola più rappresentativa. L’ho descritta come quella capacità di farcela e di volercela fare anche quando le cose non vanno eppure c’è un modo per cui esattamente vanno. E’ quel non lasciare che le cose vadano in un certo modo solo perchè si è pigri nell’imporre alle cose un modo di azione. La resilienza è la forza insita in ognuno di noi di fondere le forze e di utilizzarle tutte insieme.

 

Anita Santalucia

Anita Santalucia

Filosofia. Prima di tutto la filosofia. 26 anni, laurea, master e i mille posti del mondo che non ho ancora visitato.

La filosofia della cura è molto meglio del Malox!

Le Star Wars del marketing: chi vince?

Leave a Response