close
Lettera ad un neo studente di Filosofia

Lettera ad un neo studente di Filosofia

Caro iscritto a Filosofia, io e te abbiamo qualcosa in comune. Ci conosciamo perché abbiamo letto negli occhi degli altri lo scetticismo, l’incredulità, quell’immaginare il futuro che avremo vissuto senza pensare che al futuro, forse, non è ancora tempo di pensare.

Forse ci hai pensato molto o forse è stata una scelta istintiva (come la mia). In sede o fuori sede? Hai cercato un giusto compromesso tra ragione e cuore? Inutile. Imparerai molto presto la differenza tra sentire e capire. La filosofia lo ha provato a dire dalla notte dei tempi. Tu hai sentito che era la scelta giusta e l’hai fatta. Sei dentro!

Sei entrato in un dipartimento che sarà casa. Casa tua, delle tue idee e dei tuoi dubbi, delle difficoltà e delle gioie. Imparerai presto il nome dei tuoi professori perché hanno scritto libri che tu dovrai studiare. Imparerai in fretta le aule e tutto quello che c’è da imparare ma la sfida, credimi, è studiarla filosofia!

L’amerai. Amerai tutto. La storia della filosofia la capirai con il tempo, mentre i grandi temi li affronterai con focosa passione e anima. Tanta anima!

Leggi più che puoi. Non ti fidare di chi ti dice che il prof chiede solo i primi tre capitoli di un libro. La Critica della ragion pura, Essere e tempo come i dialoghi di Platone vanno letti tutti! Non ti fidare di chi ti dice che gli appunti non servono: i professori sono fonte indispensabile di cultura.

Chiedi. Domanda, poni questioni. Non stare zitto. MAI! Non aver paura di essere scemo o scontato. Nessun lo è. Ti imbarazzerai perché sostenere qualcosa di diverso dai tuoi maestri è imbarazzante ma non è così scontato che lo sia! Farà la differenza. Ad ogni esame vai preparato. Approfondisci. Studia. Scrivi. Argomenta. Sii pronto ad affrontare una discussione. Non imparare a memoria: un esame di filosofia è molto diverso dagli altri esami. Ti chiederanno un parere e tu esprimiti, non aver paura.

Durante gli studi ti verrà in mente il futuro. Cercherai il suo significato e poi sarai pronto a darne uno tutto tuo. Non ti preoccupare: pensa ad apprendere. Sii una spugna. Il futuro verrà da sé, se sei stato una spugna! Non ascoltare chi ti chiederà il perché di questa scelta infelice. Ascolta solo chi è davvero interessato alle tue motivazioni. Goditi i momenti. Goditeli tutti. Goditi i colleghi. Le amicizie che stringerai all’università sanno di cultura, passione e amore. Goditi il momento della discussione della tua tesi. Porta una tesi non un copia/incolla. Datti un tono ma non credere troppo in te stesso: la spavalderia non paga!

Ci conosciamo. Abbiamo vissuto lo stesso momento. Filosofia è uno stile di vita. Il lavoro lo costruirai. Avrai gli strumenti per farlo. Sarai critico. Riuscirai a discernere le cose e a capire bene il giusto e ad allontanare l’errore. Riconoscerai le cose belle e saprai che la filosofia è prima di tutto!
Licenza Creative Commons

Anita Santalucia

Anita Santalucia

Filosofia. Prima di tutto la filosofia. 26 anni, laurea, master e i mille posti del mondo che non ho ancora visitato.

Per dieci minuti: l’esercizio filosofico di Chiara Gamberale

Poppetina, bambina e madre…

Leave a Response