close
Libri sotto al cuscino. AlSognalibro il bookcrossing si fa così

Libri sotto al cuscino. AlSognalibro il bookcrossing si fa così

E se quello che state leggendo è il libro che è stato letto già proprio in quella stanza? E se proprio quel libro che avete tra le mani, è stato oggetto di discussioni sull’amore, l’amicizia, le relazioni di qualche altra coppia? Chi ha fatto bookcrossing sa di cosa sto parlando. Non si tratta di montagne russe né di una speciale disciplina sportiva ma di una straordinaria iniziativa che conia due termini: book, libro e crossing, passeggio oppure attraversamento. Il Bookcrossing è davvero una cosa meravigliosa! Come raccontato da Il Libraio, il Bookcrossing, consiste nell’abbandonare i libri ovunque si preferisca in modo che per persone possano trovarli, prenderli e lasciarne di nuovi. Che sia in città, in metro, in una cassetta della posta, ovunque. Non importa: la lettura prima di tutto!

Di seguito una galleria di luoghi improbabili! (grazie Il Libraio!)

In Italia il Bookcrossing è stato interpretato molto bene da Paolo Origlio, milanese di origine anche se i genitori sono siciliani, una carriera in un’azienda importante che a 42 anni lascia. Via da lavoro, amici, abitudini e si  trasferisce a Grosseto, in Maremma. Qui apre un Bed and Breakfast molto particolare in cui si coniugano perfettamente letteratura, musica e natura: le sue più grandi passioni. Il risultato è AlSognalibro! Il primo B&B letterario. L’attività di Paolo è un taglio netto, è una scelta, è la risposta al “come faccio ad andarmene”, è l’altra strada. Un esempio di come possa vincere il coraggio di mettersi in gioco.

Il suo Bookcrossing è con un libro lasciato sotto un cuscino delle tre stanze del suo B&B in modo che, preso il libro, gli ospiti possano lasciarne uno, in pieno stile Bookcrossing con un unico fine, ovvero quello “di fare girare la cultura e l’amore per i libri in un modo originale, attraverso lo scambio, che avviene ormai nei modi più disparati.Quando decisi di aprire il B&B Al Sognalibro l’idea iniziale fu proprio questa, fare trovare agli ospiti una sorpresa sotto al cuscino”.

Tre camere ispirate a tre grandi capolavori della letteratura. Ma perché proprio questi tre nomi? “E’ stato davvero difficilissimo trovare solo tre libri a cui ispirare le stanze a tema, alla fine ho scelto per quelli che in qualche modo mi rappresentavano maggiormente e che appartenessero a stili ed a nazioni diverse. Il Gattopardo: perche’ ho sangue siciliano nelle vene. Alice nel paese delle meraviglie: che rappresenta il senso del gioco, della follia ed è una favola. Cyrano:  in cui l’amore per le parole e l’amore per la purezza del sentimento sono espresse in modo poetico. Confesso che non è stato affatto facile lasciare fuori tanti libri che mi hanno formato”.

La curiosità di scoprire il libro che l’ospite precedente ha lasciato sotto al cuscino ma quali sono i libri che abitano di più le stanze del suo B&B? “Quando il “ gioco” è iniziato sotto i cuscini delle tre stanze a tema (Alice nel paese delle meraviglie, Il Gattopardo e Cyrano) sotto i cuscini feci trovare i libri a cui le stanze so erano ispirate, da allora ci sono stati titoli più disparati che raramente si ripetono. Il Bookcrossing è il modo giusto per leggere, leggere e continuare a leggere per rendere la vita sopportabile. Era così brutta la vita a Milano? Non rinnego la mia esperienza da “Yuppi” nella metropoli, ma arriva un momento nella vita in cui ci si deve togliere la maschera e guardarsi profondamente dentro, chiedendosi se quello che si fa rende davvero felici. E ad un certo punto, la mia risposta fu NO! E cosi decisi di inventarmi una vita nuova senza maschere e che mi rappresentasse pienamente”.

Paolo mi racconta chela sua giornata a Milano cominciava sempre allo stesso modo:sveglia,doppiopetto ,cravatta,la metropolitana,l’aria sempre un po’tetra,un po’fredda. I volti dei colleghi grigi, annoiati. Forse è proprio vero che Milano è una città dove si può vivere solo con un fiume di denaro oppure la rassegnazione. La risposta di Paolo alla domanda: ci sono altri luoghi dove si può vivere senza rassegnazione? È stata la Maremma, Grosseto e il suo B&B. Il luogo di tante vacanze in famiglia poteva diventare il luogo della salvezza. La sua storia recente è fatta di giardino, ospiti, fiori, la gatta Giorgina. Quella del Al Sognalibro è una bellissima realtà, un posto vicino al cuore e all’anima. Il Bookcrossing qui si realizza perfettamente. Il libro che passeggia, cammina, passa e ripassa tra le mani di chiunque. Un pensiero fatto di parole e di racconti di cui oggi abbiamo tanto bisogno.

Al Sognalibro B&B è su FACEBOOK!

cell.: 339 7098558

e-mail: info@alsognalibro.it

 

Anita Santalucia

Anita Santalucia

Filosofia. Prima di tutto la filosofia. 26 anni, laurea, master e i mille posti del mondo che non ho ancora visitato.

Death café, a place where death sits at the table with you

Strage di Parigi: lacrima per immagine

1 Comment

Leave a Response