close
Meloni, Bedori: Non è un paese per femmine?

Meloni, Bedori: Non è un paese per femmine?

Meloni, Bedori e le femmine, oltre le gambe c’è di più. Ma potremmo aggiungere oltre il pancione c’è di più, sotto la maglietta scollata c’è di più (e non parlo del seno), oltre i riflessi rossi c’è di più e persino oltre gli occhi azzurri e le curve prorompenti c’e di più. Qualcosa di diverso c’è sempre. Oltre le apparenze a cui non sappiamo andare, oltre i come che non sappiamo chiedere e oltre quei perchè a cui non sappiamo rispondere. C’è qualcosa di diverso anche otre i chili di troppo che portiamo, le forme pronunciate che portiamo, le parole dimesse che diciamo e gli sguardi belli che abbiamo.

Oltre però non si vede ed allora ecco che Giorgia Meloni, candidata (o forse no?) al comune di Roma viene liquidata da un Bertolaso (che risorge dalle macerie de L’Aquila, sorge da solo perchè la città ha ancora la polvere negli occhi) qualunque che la inviata a stare a casa, dato il suo stato interessante oppure Patrizia Bedori che è stata definita brutta e obesa perchè conserva chili di troppo.

Non è una questione di sesso ma una questione di merito. Se meriti di fare politica, di gestire un gruppo, di ricoprire un ruolo, se meriti di lavorare allora lavori a prescindere dai mesi di gravidanza o dai chili di troppo. Ma perchè deve essere una questione di merito? Perchè deve essere una questione speciale? Perchè ci deve essere sempre qualcosa di straordinario, diverso, particolare, nuovo? 

Siamo ancorate a tutto questo e nessuno ci disancora, nessuno ci libera, nessuno li disarma e neppure noi ci disarmiamo. Facciamo le strisce rosa, festeggiamo l’8 marzo, festeggiamo la parità senza avere parità, senza godere dei diritti. Festeggiamo anche se ci dicono che siccome incinte, non possiamo fare il sindaco, che siccome grasse siamo brutte. Le donne filosofe sono state poche. Troppo poche, con il senno di poi. Avrebbero potuto insegnare a vivere particolarmente bene eppure il femminismo c’è stato ma non ha sortito gli effetti sperati. Forse Hannah Arendt, adesso, odierebbe tutto questo perchè tutto questo è l’esempio di ciò che proprio non doveva accadere.

Alziamo i calici e brindiamo al nulla. Il nulla ha un ottimo sapore!

 

Anita Santalucia

Anita Santalucia

Filosofia. Prima di tutto la filosofia. 26 anni, laurea, master e i mille posti del mondo che non ho ancora visitato.

Tra vent’anni e?

Papa su Instagram: perchè il social piace?

Leave a Response