close
Sei personaggi in cerca di Totore

Sei personaggi in cerca di Totore

Quando ho letto per la prima volta Sei personaggi in cerca di Totore di Francesca gerla e Pino Imperatore, pensavo di non saper più leggere. O meglio, pensavo che il napoletano che tanto amo, non sapessi leggerlo minimamente. Poi sono entrate nelle parti, in tutti e sette i personaggi in cerca di autore impelagati in mille capovolgimenti, ed allora ecco: io adoro questo libro!

Totore è un ventenne vivace ed esuberante. Vive nel quartiere di Marianella, nella periferia nord di Napoli. È fidanzato con Rosaria, una bella ragazza del suo quartiere. Sicuro? Totore non ha un’auto e Cosimino, il migliore amico (sicuro?) prova a dirgli che non gli presterà mai la macchina del padre, ma Totore insiste e lo convince promettendogli che Rosaria porterà con sé una sua amica abbastanza carina per cui ne valga la pena prestare la sua auto all’amico.

All’incrocio di Marianella dove c’è la statua di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori avviene l’incidente. Non solo loro 4, le due coppie d’amici. Ci sono anche Carolina, la mamma di Totore e poi ancora Luciano, un ex scippatore del quartiere, e Aristide, un ex professore di Totore. Tutti coinvolti nell’incidente con la mamma di Totore che si sente male, Totore esce dalla vettura e scappa.

Cosimino, Rosaria, Carolina, Luciano e Aristide finiscono all’ospedale. E poi? E poi è tutto da leggere, rileggere, ridere e ridere ancora a crepapelle perchè storie così sono estremamente interessanti per tutti i risvolti che hanno al loro interno.

GLI AUTORI 

Francesca Gerla è nata a Napoli ed ha lavorato per case editrici come Bollati Boringhieri e Rizzoli. Ha ottenuto vari riconoscimenti letterari. L’ultimo romanzo, La testimone (Homo Scrivens, 2014), finalista al premio Carver 2015, ha vinto il premio Il Convivio. È ideatrice e coautrice dello spettacolo Regine, cui ha preso parte anche Pino Imperatore, per la regia di Giuseppe Bucci e l’interpretazione di Rosaria De Cicco.

Pino Imperatore, invece è nato a Milano, 1961. E’ autore di varie opere comiche e umoristiche, fra cui i romanzi Benvenuti in casa Esposito, Bentornati in casa Esposito e Questa scuola non è un albergo, editi da Giunti. Da Benvenuti in casa Esposito è stata tratta una commedia teatrale di grande successo, scritta da Imperatore con Alessandro Siani e Paolo Caiazzo. Nel 2001 ha fondato a Napoli il Laboratorio di scrittura comica e umoristica “Achille Campanile”. Nel 2015 ha esordito alla regia al teatro Sannazaro per lo spettacolo Anime del Sud. Nel 2017 pubblicherà con Mondadori il suo nuovo romanzo Allah, San Gennaro e i tre kamikaze.

Perché vi parlo di loro? 

Il prossimo 22 aprile saranno ospiti in una sala bellissima del Castello della mia città. Insieme parleremo del libro, ne discuteremo ed invitiamo tutti a farlo! Nei prossimi giorni vi darò maggiori informazioni. Voi intanto, leggetelo e fatemi sapere cosa ve ne pare e se non potete essere fisicamente ad Angri (SA) con me, ci sarà una diretta Facebook da seguire!! Rimaniamo connessi!

Licenza Creative Commons

Anita Santalucia

Anita Santalucia

Filosofia. Prima di tutto la filosofia. 26 anni, laurea, master e i mille posti del mondo che non ho ancora visitato.

L’Islanda paritaria e quella gender equality salariale

I numeri di MassaCritica: un mini bilancio!

Leave a Response