close
Ragazza bassa: perchè sono affetta da tappitudine?

Ragazza bassa: perchè sono affetta da tappitudine?

BASSO: che è poco elevato dal suolo o da altro livello; che è meno elevato di statura o altitudine rispetto.

Questa che leggete è la definizione di “basso” fornita dal dizionario italiano eppure la parola non rende il disagio. Ho provato a cercare su Google la parola adatta ad esprimere la mia condizione di ragazza bassa eppure non ho trovato nulla. Sta di fatto che se indosso in paio di scarpe senza neppure un filo di altezza, che sia espressa da un tacco o da una suola di gomma, non trovo pace. Provo disagio. In realtà io sono una femmina bassa che soffre di un disturbo: la tappitudine. Il termine non esiste e non so se l’Accademia della Crusca lo inserirà mai nel dizionario. Io ne avrei bisogno e come me, anche tante altre ragazze che sono dibattute tra la comodità e il sentirsi meno tappe.

araihc94

Dal metro e settanta in giù la tappitudine colpisce. E’a queste stature che una ragazza davanti lo specchio soffre. Ci si sente semplicemente e banalmente tappa. Perchè mi sento tappa? Terminerà mai la tappitudine? Evidentemente no. Purtroppo sarò tappa a vita nonostante in famiglia, non siano tutti particolarmente alti, mi aspettavo un caso di salto generazionale, un modo per scansarmi la tappitudine, un modo, per così dire, genetico. Eppure nulla. La tappitudine non passa. Deve passare quel senso di inadeguatezza mista a insoddisfazione che si ha della propria altezza che non è negoziabile. Allora mi sono detta che essere basse è una cosa con ala quale devo convivere eppure c’è filosofia che mi può aiutare?

Più cerchi di cambiare il tuo corpo, e più divieni schiava di quel cambiamento, dicono i psicologi. Non hanno torto. La mia mamma dice sempre che un giudizio definitivo su un outfit ( dice vestito, completo, ciò che indossi… outfit è termine troppo moderno/contemporaneo per lei!) si può dare solo dopo che si sia indossato un tacco adeguato che slanci la figura.

E’ un mantra: tacco sì, tacco sì a vita! Ma c’è di più. La tappitudine non è risolvibile con un tacco 5, 10, 15, 20… La tappitudine è un disagio dell’anima, uno stato di inadeguatezza e di non conformità alla dimensione sognata e desiderata. Perchè quando si è basse, si notano di più i difetti: cosce grosse, spalle medio piccole, bacino piccolo e sproporzionato. I difetti fuoriescono e indeboliscono l’ecosistema del nostro corpo che vive in bilico tra santi e falsi dei (Negramaro docet), durante la difficilissima età che dall’adolescenza porta alla maggiore età, in cui si è donne tappe ma pur sempre donne.

Ho imparato che quando un problema non so risolverlo almeno ci parlo sopra, lo affronto e gli do un nome, una definizione. Lo hanno insegnato i filosofi e per i critici questa è pura, filosofia spicciola. Per me è filosofia popolare, bassa e tappa anche lei ma tanto salvifica. Ecco a voi la definizione di tappitudine che Crusca o non Crusca, da oggi è nel mio dizionario.

TAPPITUDINE: stato psicofisico che blocca le persone ad una certa statura e ad un certo stato d’animo; disagio dell’anima; stato di inadeguatezza; chi non è elevato di statura ma vive il disagio come una condizione dalla quale neppure la soluzione pratica di indossare i tacchi, lo aiuta.

P.S. nella botte piccola c’è il vino buono!

Per la foto, grazie a: araihc94

Licenza Creative Commons
Ragazza bassa: perchè sono affetta da tappitudine? è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Anita Santalucia

Anita Santalucia

Filosofia. Prima di tutto la filosofia. 26 anni, laurea, master e i mille posti del mondo che non ho ancora visitato.

Shonda Rhimes: perchè dire sempre sì?

Autismo: il blu della normalità

1 Comment

  1. Diciamo che di tappitudine non ci soffrono quelle meno di 1’70(a meno che tu non ti confronti modelle di 180 cm e passa direi che nella “normalità” o comunque nella quotidianità le ragazze di 1’70 sono considerate alte.Diciamo che quelle veramente basse sono quelle sotto il metro e sessantacinque.

Leave a Response