close
Relax, take it easy!?

Relax, take it easy!?

Relax, take it easy! Diceva la canzone… E’ proprio vero: rilassarsi serve ma rilassarsi è per tutti? Trovare un momento di relax è terapeutico e fondamentale per la salute di mente e corpo. Troppo stesso siamo travolti e ci lasciamo travolgere da una certa smania di fare le cose. Una fretta inconcludente, a volte, e controproducente che minimizza i bisogni del corpo, non ascoltandoli. Riempire ogni minuto della giornata. Ogni ora, ogni parte della giornata deve essere riempita per paura delle pause della vita che fanno pensare e che fanno riflettere troppo, forse.

Eppure il silenzio, il riposo, il vuoto della mente è fondamentale per riconciliarsi con la propria esistenza fatta, il più delle volte di frenesia e di insoddisfazione. Relax. Rilassamento della mente e del corpo. Fermare le membra, fermare il corpo, concentrarsi solo su se stessi e ascoltare il proprio corpo. Prendersi cura del proprio benessere psicofisico per evitare che i disturbi e gli sfoghi psicosomatici prendano il sopravvento.

Occorre il vuoto per una successione piena. Abbiamo bisogno della completezza degli stati per una vita piena. Ed allora il  vuoto, la pausa, il relax (il rilassarsi e il rallentasi) hanno un senso. Lo ritroviamo nella musica dove la pause costruiscono qualcosa che non è suono, ad esempio. Il silenzio serve semplicemente per elaborare e per riconsiderare le cose così come sono. Pensare, riflettere e soffermarsi sulle cose semplici, eliminato le sovrastrutture e le complicazioni di cui di solito la vita ci sovraccarica.

Avere a che fare con noi stessi è così difficile! E’ complicato parlarsi, ascoltarsi, relazionarsi con il proprio sé eppure è così indispensabile. E’ per questo che la pausa è un valore e va onorato fino in fondo!
Licenza Creative Commons

Anita Santalucia

Anita Santalucia

Filosofia. Prima di tutto la filosofia. 26 anni, laurea, master e i mille posti del mondo che non ho ancora visitato.

Filosofia per principianti: perché iniziare con un libro?

Mito di Arianna: perché siamo un labirinto?

Leave a Response