close
Il tema del nostro tempo. Stare, sostare, restare

Il tema del nostro tempo. Stare, sostare, restare

18 giugno 2016#libri684Views

Ortega y Gasset, Il tema del nostro tempo.

La condizione dell’uomo è, in verità, stupefacente. Non gli viene data né gli è imposta la forma della sua vita come viene imposta all’astro e all’albero la forma del loro essere. L’uomo deve scegliersi in ogni istante la sua. È, per forza, libero.

La situazione in cui l’uomo si trova e continua a trovarsi nella propria vita è una condizione di meraviglia continua. Stare in questo luogo, sostare e restare qui ed ora, crea un meccanismo tale che la vita è meravigliosa. Con i suoi pregi e con i suoi difetti, con le sue anomalie e le sue bellezze, con le sue fatiche e i suoi affanni. Il tema del nostro tempo è questo: la situazione, la condizione, la circostanza. L’uomo giace in questa condizione di informità e di verità perché non è come qualsiasi ente già condizionato e già formato. L’uomo del nostro tempo è informe e deforme, dove deforme non va inteso come condizione negativa bensì positiva. Deforme, senza forma, con forma da acquisire, fare propria.

Una forma viene data ad un astro, un albero, un oggetto ma non all’uomo. Questi è portato a scegliersi continuamente e continuamente a desiderassi come qualcosa. Questa continua scelta è il tema del nostro tempo, del tempo delle tecniche e della precarietà, nella voglia di tentare e della paura di non riuscire, il tema del tempo che sembra fuggire eppure è tutto qui, da vivere. Il tema del nostro tempo di Ortega y Gasset è senza tempo. Un tempo non tempo che lo rende continuo presente e invita a vivere continuamente in un presente che è qui ed ora e non lì e chissà dove.

Il testo, uno dei più famosi di Ortega è un continuo dialogo tra le cose che dici e le cose che sei. Tra la circostanza e l’io che si trova in questa circostanza, rappresentata dal qui ed ora, dal momento preciso e da quello che si vive e si sta vivendo. Il libro è un continuo oscillare tra questo tema, appunto, e la ragione storica, unico viatico alla libertà di esprimere e di tradurre il dramma di del soggetto che semplicemente VIVE. Antropologia, analitica esistenziale, sentimento, concretezza, elementi più che vivi. Insegnano e prescrivono l’importanza dello stare, del sostare e del restare nel nostro tempo.

LETTO PERCHE’?

Non si poteva non fare. Il tema del nostro tempo è stato un testo d’esame all’università. Una necessità leggerlo e un piacere riprenderlo!!
Licenza Creative Commons

Tags:#libri
Anita Santalucia

Anita Santalucia

Filosofia. Prima di tutto la filosofia. 26 anni, laurea, master e i mille posti del mondo che non ho ancora visitato.

La frase per farla innamorare: ma perché?!

Elezioni amministrative 2016 e altre storie del voto contro

Leave a Response