close
E poi bho, uomo attraversa nudo la Fontana di Trevi!

E poi bho, uomo attraversa nudo la Fontana di Trevi!

13 aprile 2017370Views

Uomo attraversa nudo la Fontana di Trevi. Sì, un uomo nudo attraversa, a nuoto, specialità rana, la fontana di Trevi in tutta la sua lunghezza. Qualche bracciata, uno sguardo a destra ed uno a sinistra. La folla, incredula, filma con il cellulare (immancabile in queste occasioni) e via, lo show è bello e servito!

Benvenuti nello straordinario mondo dell’imbecillità!

Mi sono virgolettata perchè sì, l’ho detto io. Lo straordinario mondo dell’imbecillità fatta persona senza troppi giri di parole e frasi fatte. Perché un uomo che attraversa nudo la Fontana di Trevi è un problema sociale, qualcosa di catastrofico per l’intelligenza umana, l’apoteosi della deficienza, la puzza del cervello in cancrena, lo squallore della scena e l’imbarazzo di chi filma il momento e, non soddisfatto del tutto, fa un applauso finale come a dire: “ottimo, bella performance! Questo è forte!”. Forte? Forte come?

Sì è scemo forte, irrispettoso forte, incurante forte, scostumato forte… Sì, questo genere di forte qui non forte nel senso di forte questo, è bravo, cavoli com’è bravo, sei forte! e cose simili che a volte davvero escono dal cuore perchè veramente si è forti in qualcosa. Ma, perdonatemi, all’idea che uomo attraversa nudo la Fontana di Trevi (e ve lo scrivo così, nudo e crudo come trovate su google la frase super cliccata), inorridisco.

CRONACA 

Roma: Uomo attraversa nudo la Fontana di Trevi. Un uomo, che inizialmente diceva di essere straniero ma poi risultato di nazionalità italiana e con una carta d’identità rubata, ha fatto un bagno nella Fontana di Trevi. Gli agenti hanno subito provveduto a coprirlo. Ora verrà denunciato all’autorità giudiziaria per resistenza a pubblico ufficiale, false dichiarazioni e stupidità. Saranno inoltre effettuate degli esami per verificare la presenza di eventuali danni al monumento. Intanto la folla se la ride.

LA SEQUENZA

 

Ho inserito questo post nella categoria #postochetipassa. Forse non l’ho mai spiegato il nome di questa categoria. Posto che ti passa è sia da intendere come posto che ti passa, ovvero posto che, facendo questa determinata cosa (in questo caso scrivere un post) ti possa passere lo sdegno, l’arrabbiatura, la stranezza di alcune cose che quotidianamente capitano; oppure da intendere: posto, voce del verbo postare mettere un contenuto su una piattaforma (in questo caso blog) che ti passa ovvero che passa a te, dopo che hai letto ciò che ho scritto. Tale contenuto faceva indignare anche me! Insomma io scrivo così ci passano tutte quelle cose brutte di cui sopra. Ebbene, questa volta no, non è passata!!

Licenza Creative Commons

Anita Santalucia

Anita Santalucia

Filosofia. Prima di tutto la filosofia. 26 anni, laurea, master e i mille posti del mondo che non ho ancora visitato.

Every child is my child …

Forza di mamma: Paula di Isabel Allende

Leave a Response